top of page

Assegno Sociale 2022

L’assegno sociale è una misura che viene erogata dall’INPS per garantire un sostegno sociale a chi si trova in una situazione economica svantaggiata, e non ha copertura contributiva sufficiente per accedere alle misure di pensionamento garantite normalmente dall’ente previdenziale.

Con la riforma Dini del 1995 (legge 335 del 8 agosto 1995), l’assegno sociale ha sostituito la pensione sociale dal 1° gennaio 1996.

A CHI E' RIVOLTO

L’assegno sociale è garantito a tutti i soggetti che ne fanno richiesta e che rientrano nei requisiti previsti nel 2022 che riguardano in primo luogo la cittadinanza:

  • Essere cittadini italiani, oppure cittadini dell’Unione Europea, regolarmente iscritti all’anagrafe del Comune di residenza;

  • Essere cittadini extracomunitari familiari di un cittadino dell’Unione Europea, o essere titolari di un permesso di soggiorno UE per lungo periodo;

  • Essere titolari dello status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria;

  • Essere residenti stabili in Italia da almeno 10 anni, con residenza documentata dal Comune.

Oltre a possedere questi requisiti inerenti alla cittadinanza, i cittadini interessati a richiedere il sostegno economico dell’INPS con l’assegno sociale devono anche trovarsi in queste condizioni:

  • Aver compiuto 67 anni di età, limite previsto per l’accesso alle pensioni;

  • Essere in una condizione di bisogno economico;

  • Avere cittadinanza italiana o equiparate, come visto sopra;

  • Risiedere effettivamente in Italia: il beneficio decade dopo 29 giorni di residenza in un paese estero;

  • Essere residenti in un Comune italiano da almeno 10 anni;

  • Non superare il reddito personale, o per coniugati, stabilito per il 2022.


REQUISITI REDDITUALI

Il diritto all’assegno sociale o pensione sociale 2022, viene verificato in base:

  • al reddito personale, per i cittadini non coniugati;

  • al totale del reddito personale e del reddito del coniuge, per i cittadini coniugati.

I redditi del richiedente e dell’eventuale coniuge che vengono considerati sono:

  • i redditi assoggettabili all’IRPEF, al netto dell’imposizione fiscale e contributiva come i redditi da lavoro dipendente e assimilati (compresi gli arretrati soggetti a tassazione separata), redditi da terreni e fabbricati, redditi da lavoro autonomo, redditi diversi;

  • i redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta, come da giochi di abilità, da concorsi a premi;

  • le rendite vitalizie erogate dall’INAIL;

  • i redditi esenti da imposta, come le pensioni di guerra;

  • le pensioni e gli assegni erogati agli invalidi civili, ai ciechi civili e ai sordi;

  • gli assegni alimentari e i redditi soggetti a imposta sostitutiva;

  • i redditi di terreni e fabbricati;

  • le pensioni dirette erogate da Stati esteri;

Non vengono considerati, invece:

  • i trattamenti di fine rapporto (TFR) e le anticipazioni sui trattamenti stessi;

  • il reddito della casa di abitazione;

  • le indennità di accompagnamento per invalidi civili, ciechi civili e le indennità di comunicazione per i sordi;

  • l’assegno vitalizio erogato agli ex combattenti della guerra 1915-1918.

  • le competenze arretrate soggette a tassazione separata, come quelli derivanti da sentenze o cause giuridiche;

L’IMPORTO DELL’ASSEGNO SOCIALE 2022

L’Assegno sociale INPS, nella sua misura piena, ammonta a 468,11 euro al mese per il 2022 e viene erogato per 13 mensilità.

Ci sono inoltre casi in cui l'assegno può essere ridotto o aumentato.

Nel caso in cui la persona titolare dell’Assegno sociale sia ricoverata in un istituto con rette a carico dello Stato o di Enti pubblici, l’importo dell’assegno viene ridotto di diverse percentuali in base alla percentuale che lo Stato è tenuto a versare per la retta della struttura.

Esistono poi, i cosiddetti casi di “maggiorazione sociale”: un aumento di 12,92 euro al mese che Spetta a coloro che hanno un reddito annuo inferiore a 6.145,75 euro all’anno. I coniugati hanno diritto alla maggiorazione soltanto se il reddito familiare non supera i 12.854,14 euro o i 12.686,18 per la maggiorazione in misura piena.

inoltre, al compimento dei 70 anni di età, il titolare di assegno sociale può richiedere il cosiddetto “incremento al milione”, che consiste in un aumento, o maggiorazione, fino a 192,68 € che spetta ai pensionati.


COME FUNZIONA L’ASSEGNO SOCIALE INPS 2022

L’Assegno sociale INPS 2022 viene erogato su domanda ai beneficiari e secondo i limiti stabiliti dalla Legge. Il pagamento dell’assegno inizia dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda. Il beneficio ha carattere provvisorio.